sabato 31 gennaio 2015

Recensione: 'Dieci piccoli respiri' di K.A.Tucker





 "Un lieve sibilo... il cuore che mi batte nelle orecchie.
Non sento altro.(...)
Mamma? Papà?...
ma non riesco a sentire la mia voce.(...)
Mi giro a destra e vedo la sagoma di Jenny,
ma le sue membra sembrano goffe e innaturali
e lei è schiacciata contro di me.
Jenny? Sono certa di dire.
Lei non risponde.
Mi giro a sinistra e vedo solo nero.
Troppo scuro per scorgere Billy, 
ma so che è lì perchè sento la sua mano.
E' grande e forte e mi avvolge le dita.
Ma non si muove...(...)
Luci fioche... voci... Li vedo. Li sento.(...)
Un verso stridulo mi fa rizzare i capelli.
Come quello di qualcuno che lotta per l'ultimo respiro."

 


Kacey Clearly ha solo vent'anni quando la sua vita è andata in pezzi. Un terribile incidente automobilistico le ha portato via i suoi genitori, il suo fidanzato e la sua migliore amica. Ora, dopo quattro anni trascorsi a casa degli zii nel Michigan, Kacey decide di fuggire via per sempre. Una notte lei e sua sorella Levie prendono un autobus per Miami e lì, nonostante le difficoltà economiche, possono finalmente ricominciare a progettare una nuova vita. Kacey però non è ancora pronta a lasciarsi alle spalle il passato e stringere nuove amicizie, neppure se a chiederglielo è l'affascinante vicino, Trent Emerson, un enigmatico ragazzo dagli ipnotici occhi blu. Eppure Trent è deciso a far breccia nel suo cuore, e presto Kacey dovrà smettere di stare chiusa a riccio e arrendersi al suo amore...
 

 "Odio pagare le lavatrici.(...)
Quando inizio a inserire le monete nelle apposite fessure
 mi accorgo di averne appena a sufficienza.
-Ce n'è qualcuna libera?-
chiede una profonda voce maschile proprio alle mie spalle,
sorprendendomi al punto che strillo 
e lancio gli ultimi tre quarti di dollare per aria.(...)
I miei occhi restano incollati all'ultima mentre cade a terra 
e rotola verso la lavatrice.
Mi metto carponi e mi tuffo per prenderla. Ma sono troppo lenta.(...)
-Io non lo farei se fossi inte.-
-Ah, sì?-
Adesso sono incazzata.(...)
-Viscidi insetti a otto zampe e cosi che strisciano 
vanno a nascondersi in posti come questo-.(...)
 -Buffo ho sentito che in questi posti
 si aggirano anche viscidi esseri a due zampe.-
La sua risposta è una risata gutturale.
-Molto divertente. Che ne dici adesso di rimetterti in piedi?-(...)
C'è qualcosa di decisamente sensuale nel suo tono.(...)
L'aria abbandona i miei polmoni con un sibilo 
e mi ritrovo a guardare un paio di profonde fossette
e gli occhi più blu che abbia mai visto.(...)
-Mi sono appena trasferito. 1D. Mi chiamo Trent.-
-Kacey.- 
-Kacey- ripete lui.
Amo la forma delle sue labbra quando dice il mio nome.(...)
sento la faccia esplodere per una terza ondata di calore.
Dannazione!
Kacey Cleary non arrossisce per nessuno!(...)
Respira, Kacey, sento la voce di mia madre nella mente.
Conta fino a dieci, Kace.
Dieci piccoli respiri.(...)
 Indietreggio verso la porta.
Non voglio avere questi pensieri. Non ne ho bisogno.
 -Allora, dove...?-(...)
Faccio di corsa le scale verso la salvezza.
Respiro solo quando sono in superficie.




Devo essere onesta con voi e con me stessa, questo romanzo è rimasto in un angolo della mia affollatissima libreria per un bel pò di tempo. Sì, ero curiosa di leggerlo, ma ero anche un tantino prevenuta immaginando fosse l'ennesimo libro adolescenziale, e avendone letti parecchi negli ultimi tempi, avevo deciso di lasciarlo in stand by, dando priorità ad altri generi. Ora, dopo averlo letto, devo ricredermi... l'ho iniziato e finito in un solo giorno e parliamo di ben trecento pagine! Ovviamente abbiamo tutti i canoni standard dello young adult: adolescenti problematici, segreti inconfessabili che si nascondono dietro ai protagonisti dall'oscuro passato e dalla personalità difficile, traumi, tragedie, ecc... ma ciò che colpisce nel segno, oltre alla scorrevolezza della scrittura, è soprattutto l'evolversi dei fatti fino al gran finale -di cui state tranquilli non rivelerò alcunchè- che onestamente mi ha lasciato senza parole. Spesso l'epilogo di un romanzo lo si può intuire già oltre la metà di un libro, e ovviamente rende meno appetibile la storia in sè, per questo la bravura di uno scrittore sta soprattutto nel rendere un romanzo interessante, con un crescendo di emozioni dall'inizio alla fine e se riesce anche a sorprendere il lettore con un finale inaspettato... beh, ha senza dubbio scritto un libro fantastico.
Kacey è un gran bel personaggio, forte e coraggiosa, nonostante quello che ha passato e apprezzo il fatto che lei ammetta di avere dei trascorsi piuttosto turbolenti e discutibili, di cui però non si pente, perchè le hanno permesso di sopravvivere momentaneamente al dolore. 
Anche gli altri personaggi che entrano a far parte della vita di Kacey mi hanno conquistata -Storm, la piccola Mia, Ben, Cain, Nate e persino in signor Tanner- ognuno con la sua originalità, con pregi e difetti che li hanno resi veri, reali, ma il mio cuore è tutto per Trent! E' spiritoso e divertente, spavaldo ma spesso ombroso e lunatico. Il mio non è stato amore a prima vista, ma ho scoperto la profondità del suo personaggio strada facendo e l'ho apprezzato soprattutto alla fine, quando sono riuscita a capirlo veramente. 
Aspettando di recensire il prossimo libro della serie su Livie -'Una piccola bugia'-, non mi resta che augurarvi come sempre... buona lettura!

venerdì 30 gennaio 2015

Recensione: 'Codice cinque' di J.D.Robb -Nora Roberts-




New York, 2058. Eve Dallas, tenente del dipartimento di polizia e sicurezza, si trova ad affrontare un caso scottante. Una prostituta d’alto bordo, Sharon DeBlass, nipote di un senatore ultraconservatore, viene brutalmente uccisa all’interno di un elegante palazzo. Il delitto è accompagnato da un biglietto inquietante e minaccioso: “Una di sei.” L’arma che ha ucciso la donna è una Smith & Wesson, un vero pezzo d’antiquariato che può appartenere solo a un facoltoso collezionista. Decisa, coraggiosa, sprezzante, Eve arriverà presto a una lista d’indiziati, in cui il sospettato numero uno è il proprietario di una collezione di armi antiche nonché del palazzo in cui la vittima è stata uccisa, il miliardario irlandese Roarke. Un uomo ironico, sexy, brillante, che sembra non avere passato, capace di far breccia anche nel cuore ormai indurito di Eve. Proprio lei, che ha sempre potuto contare su un infallibile intuito, ora si trova a fare i conti con qualcosa di altrettanto istintivo, ma decisamente destabilizzante. Un’indagine serrata, una detective determinata, un sospettato affascinante ed enigmatico. La strada verso la verità nasconde la più pericolosa delle insidie: l’attrazione. 


"-Tenente.(...) Incidente al 27 di West Broadway, diciottesimo piano.
Il caso è suo.(...) Prenda distintivo e arma, e raggiunga il luogo dell'incidente. Codice cinque.-
-Sì, signore.-(...)
'Codice cinque' 
significava che avrebbe dovuto riferire direttamente al suo comandante, che i rapporti interdipartimentali sarebbero stati tutti criptati e non ci sarebbe stata alcuna collaborazione con la stampa.
In sostanza, era completamente libera di agire."



"-Chi è la vittima?-
-Sharon DeBlass, nipote del senatore DeBlass.(...)
E' scappata di casa qualche anno fa, si è trasferita a New York
ed è diventata una squillo di professione.(...)
Le implicazioni politiche lo rendono un caso delicato.
 E' stata uccisa nel letto.-
Eve inarcò un sopracciglio.
-Mi sembra giusto, dato che era pagata per starci. Com'è morta?-
-Questo è un altro problema. Voglio che lo veda tu stessa.-(...)
La donna veva un foro nella fronte, uno nel petto e un altro orribilmente ampio tra le cosce divaricate.
Il sangue aveva formato pozze, rivoli 
e macchie sulle lenzuola lucide.(...)
-Chi ha denunciato l'omicidio?-
-L'assassino in persona.-"

La Nora Roberts che 'conosco' come lettrice è sempre stata vista da me come una bravissima scrittrice romance, ma devo dire che leggerla nelle nuove vesti di J.D.Robb come autrice di una nuova serie 'crime futuristica' beh, è stata una meravigliosa scoperta e sono sicura che ci regalerà grandi emozioni.
Non ho potuto fare a meno di lasciarmi coinvolgere dal personaggio di Eve, dai suoi demoni interiori e dallo scenario futuristico in cui la storia è stata ambientata, e che a mio parere ha dato sicuramente una marcia in più a una trama già ricca e interessante. Un futuro quello del 2058 che ci catapulta in una realtà affascinante e forse non poi così lontana da noi e questo permette alla nostra fantasia di spaziare tra robot che ci preparano il pranzo e gestiscono la casa, nuovi airbus cittadini che sfrecciano nel cielo all'ora di punta e veri e propri viaggi interspaziali! 
E voi grandi fan della Roberts vi starete chiedendo 'ma può in un romanzo del genere mancare quel pizzico di passione che la contraddistingue?'.Certo che no, vi rispondo io. Non può mancare, ed ecco perchè mi sono follemente innamorata di Roarke, perchè lui ha tutto quello che una donna può desiderare: è un giovane ma potente miliardario, bellissimo e sexy, circondato da quell'alone di mistero e pericolo che gli scivola addosso come un'ombra per tutto il romanzo e ci obbliga a porci la fatidica domanda 'ma dietro quel volto affascinante, si nasconde la mente malsana dell'assasino?'

"-Lei ama le regole, tenente?-(...)
Le spalle di Eve si irrigidirono.
-Se non esistessero regole, regnerebbe il caos.-
-Ma dal caos nasce la vita.-(...)
-Ha avuto un rapporto carnale con Sharon DeBlass?-
I suoi occhi brillarono per un attimo, ma Eve non seppe dire se fosse per il divertimento o la rabbia.
-Abbiamo soltanto cenato.-
-Lei porta nella sua villa in Messico una bellissima donna, 
una squillo di professione, 
e vuole farmi credere che avete solo cenato?-(...)
-Non ricorro mai a delle professioniste del sesso per due motivi.
Anzitutto, non vedo la necessità di pagare per fare sesso, (...)
 e secondo, io non condivido niente con nessuno.-
Fece una pausa molto breve.
-E lei?-
Eve ignorò le farfalle nello stomaco.
-Non stiamo parlando di me.-
-Io sì. Lei è una bella donna, e saremo completamente soli per almeno altri quindici minuti.
 Eppure non abbiamo fatto altro che bere caffè e brandy.-
Quando la vide ribollire di rabbia negli occhi, Roarke sorrise.
-Un comportamento piuttosto eroico da parte mia, non crede?- 



'Codice cinque' è un libro da leggere tutto d'un fiato e che io ho letteralmente divorato in meno di due giorni. Come al solito la Roberts non delude le aspettative, neppure quelle dei lettori più esigenti, che non si accontentano del solito 'giallo' o della banale storiella da romanzetto rosa. Quest'autrice sa dosare in modo sapiente ingredienti di ottima qualità nella giusta quantità, e il risultato è 'squisito', un romanzo capace di soddisfare ogni palato. Buona lettura!

mercoledì 21 gennaio 2015

Recensione: 'Buonanotte amore mio' di Daniela Volonté




Valentina Harrison lavora come assistente in un'agenzia pubblicitaria a Milano, con sedi in tutto il mondo. È molto intelligente ma per il suo aspetto poco appariscente passa spesso inosservata: non ha una particolare passione per i vestiti, i tacchi, le borse. Lo shopping in generale e, pur amando Milano, preferisce vivere in un paesino di provincia, nella cui tranquillità si abbandona al piacere della lettura. James Spencer, affascinante e snob, vive invece negli Stati Uniti. Quando un problema mette in crisi l'agenzia, e James viene convocato a Milano per risolverlo, i due si conoscono e si trovano a lavorare a stretto contatto. Il loro primo incontro è pessimo: lui è il tipico uomo colpito soprattutto dall'aspetto fisico di una donna, e quello di Valentina lo lascia semplicemente allibito. Lei se ne accorge e ne è al tempo stesso ferita e irritata. Lui è burbero, spesso le si rivolge con poco garbo. Lei è posata, gentile, calma, attenta ai piccoli gesti. Eppure sin da subito cade vittima del suo fascino. Ma l'obiettivo di James è quello di salvare l'agenzia dai guai in cui versa: una volta capito che Valentina è brava, decide di coinvolgerla nel suo lavoro. E la collaborazione forzata farà assumere al loro rapporto sfumature davvero inaspettate.
 

-"La situazione è questa: da domani lei avrà un nuovo superiore,
con lui riprenderà il lavoro 
esattamente dal punto in cui l'ha interrotto con Susan.(...)
Diremo a tutti che Susan è dovuta partire d'urgenza 
per assistere la madre malata."(...)
Un pensiero mi assale: Susan ha derubato l'agenzia 
e domani arriverà il mio nuovo capo.
Un uomo. Oh, oh, sono nei guai.
Grossi guai.
Io non sono abituata a parlare con l'altro sesso.(...)
Il nuovo anno è partito proprio da schifo!-

Eccola Valentina Harrison, la nuova Bridget Jones italo americana. Come non paragonarla alla mia super eroina che vestiva come mia nonna -con tanto di mutandoni ascellari color carne- e faceva delle figuracce tremende appena apriva bocca? Beh fortunatamente Vale non è proprio così 'disperata' ma ci va molto vicino...


-La porta si apre e una voce incerta si fa strada:
"Buongiorno dottor La Blanche".
Oh cazzo, non ci posso credere!
E questa dove l'hanno pescata?(...)
"Piacere dottor Spencer, sono Valentina Harrison",
mi dice tendendomi una mano.
Rimango immobile per qualche secondo,
poi guardo Vic, sorridendo.
Sarà uno scherzo.
Dal suo sguardo truce direi che non lo è.
La ragazza ha ancora la mano tesa verso di me.
Si è fatta rossa in volto.
Perfetto, prima sembrava solo vestita in modo sciatto
e ora pare un peperone con addosso un abito sciatto.
Abbassa veloce la mano e inizia a fissarsi la punta dei piedi.
Dio, cosa sono quelle? Scarpe?
Ma nemmeno mia nonna oserebbe tanto!-

 
Non so voi, ma leggendo del primo incontro tra Valentina e James, non ho potuto fare a meno di immaginare la faccia costernata e terribilmente divertente di quest'ultimo nel vedere la sua nuova assistente! Non sono riuscita a leggere senza ridere...
Valentina comunque sa il fatto suo e dopo essersi sentita ferita dai modi molto poco garbati del suo nuovo arrogante ma bellissimo capo, si fa valere, facendogli capire di che pasta è fatta.
Ho provato subito una gran simpatia per Vale e ho fatto il tifo per lei, perchè ogni donna se vuole, sa mostrare il suo lato migliore e la nostra protagonista deve solo trovare il suo, sepolto sotto strati di larghi maglioni dai colori improponibili e ballerine rasoterra.
Di James che dire? E' un don giovanni con la 'D' maiuscola, ma apprezzo la sincerità con cui 'scarica' -senza farsi neppure troppi problemi- la bellona di turno, dopo essersi divertito. Basta mettere sin da subito le cose in chiaro no? E di lui non si può certo dire che non sia un uomo diretto, forse un pò troppo...
Insomma se volete un romanzo divertente, ma anche romantico, che vi faccia ridere ma perchè no, anche sognare... dovete assolutamente leggere questo libro! Non riuscirete più a staccarvene, ve lo assicuro... viva il made in Italy, finalmente! Buona lettura a tutti...

lunedì 19 gennaio 2015

Anteprima Nord editore: 'Ricordati di sognare' di R.V. Dyken




"A volte sembra che tutto sia finito...
Invece è un nuovo inizio"

Per due anni, è come se non avessi vissuto; ero persa in un baratro di dolore, da cui credevo non sarei più riemersa. Poi ho incontrato Wes Michels. Lui è il raggio di sole che ha squarciato le tenebre della mia esistenza, la luce che mi ha ridato la speranza e la forza di ricominciare. Mi sono affidata ciecamente a lui, anche quando tutti mi dicevano di non farlo: Wes è troppo ricco, troppo impegnato a diventare la nuova stella del football e, soprattutto, troppo corteggiato per rimanere fedele a una ragazza come me. Non sanno quanto si sbagliano. Non conoscono il suo cuore e sono all’oscuro del suo segreto. Su una cosa però avevano ragione: non avrei dovuto innamorarmi di lui. Ho paura che, se resterò ancora una volta sola, sprofonderò di nuovo nel baratro. Perché adesso so che ogni giorno passato con Wes potrebbe essere l’ultimo…

Novità Fanucci-Leggereditore: uscite Gennaio 2015

 

Ecco cosa ci propone la Leggereditore
per questo mese di Gennaio...


 


Quando il volo 121 della Freedom Airlines precipita nell’oceano Pacifico, nessuno si aspetta che ci siano dei superstiti. Così, la notizia di una ragazza ritrovata a galleggiare tra i rottami dell’aereo, praticamente illesa, fa il giro del mondo. Nessuno sa spiegarsi come possa essere sopravvissuta... tantomeno lei. La sua mente è una tabula rasa: non ricorda il proprio nome né nessun avvenimento della sua vita, e non sa spiegare cosa ci facesse su quel volo. Le sue impronte digitali e il suo DNA non si trovano in alcun database, nessuno ha denunciato la sua scomparsa. Intrappolata in un mondo che non riconosce, con delle abilità che non è in grado di comprendere e ossessionata da una minaccia che è solo un’eco nella sua testa, la ragazza misteriosa si sforza di rimettere insieme i pezzi del proprio passato e scoprire chi è veramente. Ma a ogni indizio seguono nuove domande, e lei non ha abbastanza tempo per trovare le risposte. La sua unica speranza è un ragazzo affascinante, che sostiene di conoscerla da prima dell’incidente e di averla aiutata a fuggire da un esperimento top secret. Ma lei di chi può fidarsi davvero?

 


"Cuori Selvaggi", secondo libro della serie "Renegade Angels" 

Elijah Reynolds è il più dominante tra i lycan, un alfa raro la cui abilità nella caccia è superata solo dalla sua primordiale sensualità. Quando i lycan si ribellano al pugno di ferro del governo angelico, Elijah sale al potere e diventa sia un nemico sia un ambito alleato nel conflitto tra vampiri e angeli.
Vashti è il secondo vampiro più potente del mondo, una bellezza letale con un devastante passato alle spalle. Quando le viene ordinato di proporre un’alleanza tra i vampiri e i lycan che hanno ucciso il suo compagno, Vash si avvicina Elijah, la cui necessità di vendicare un amico esige la morte di Vash mentre la sua virilità vorrebbe sottometterla a lui. Ben presto però la loro inimicizia viene consumata da una passione divorante. Elijah non ha mai conosciuto una donna il cui spirito e il feroce appetito sessuale eguagliano i suoi, mentre Vash si trova ad affrontare l’unico uomo abbastanza forte da competere con lei. Mentre incombe una guerra tra le creature sovrannaturali, dovranno decidere entrambi a chi assicurare la loro fedeltà: si alleeranno con i loro simili o con l’amante nemico senza il quale non possono più vivere?





Geneviève Spencer, avvocatessa di Manhattan, aveva un disperato bisogno distaccare la spina. Solo un ultimo semplice lavoro – una breve sosta sullo stravagante yacht del miliardario Harry Van Dorn per fargli firmare delle scartoffie – e avrebbe raggiunto la giungla del Costa Rica per le meritate vacanze. Ma sotto la scorza del filantropo, Van Dorn nasconde un animo disturbato e violento, e Geneviève rischia di diventare la sua nuova vittima. Lo sa bene Peter Jensen, che veste i panni dell’assistente personale di Van Dorn, ma in realtà è un agente segreto con l’incarico di assicurarsi che il regno del terrore di Harry muoia con lui. Geneviève non aveva messo in conto di diventare un ostaggio su uno yacht dirottato, né tanto meno di sentirsi attratta da Peter. Ora lui dovrà decidere se rischiare di far saltare la missione pur di salvare la ragazza, o lasciare che lei diventi un danno collaterale... 



Disponibile su Amazon in versione digitale a Euro 4,99

 All'epoca delle scuole superiori a Parrish, Mississippi, Sugar Beth Carey aveva il mondo in pugno. Era la ragazza più ricca e più popolare della scuola, era lei che decideva quali erano i tavoli più in della mensa, con quali ragazzi si poteva uscire e se l'imitazione di una borsa di Gucci era accettabile se non eri la figlia dell'imprenditore più ricco della città e non potevi permetterti l'originale. Bionda e divina, aveva regnato incontrastata. Quando aveva lasciato Parrish per andare all'università, aveva giurato di non farvi ritorno mai più. Solo che adesso, quindici anni e svariati mariti dopo, si ritrova senza soldi, senza speranze e senza alternative, e si vede costretta a tornare nella città che pensava di essersi lasciata alle spalle per sempre per cercare un quadro di enorme valore lasciatole in eredità da sua zia. Qui scopre che Winnie Davis, la sua nemica di più lunga data, adesso ha tutto il successo, i soldi e il prestigio che un tempo appartenevano a lei. E, peggio ancora, Colin Byrne ‒ l'uomo a cui Sugar Beth aveva distrutto la carriera ‒ è diventato uno scrittore ricco e famoso e ha acquistato la villa in cui Sugar Beth è cresciuta. Come se non bastasse, tutti gli abitanti di Parrish, primo fra tutti proprio Colin Byrne, sembrano intenzionati a vendicarsi di tutte le cattiverie che Sugar Beth ha compiuto durante gli anni della scuola. Tuttavia, nonostante la sua insolenza e il carattere apparentemente duro, Sugar Beth non è più la perfida ragazzina viziata che tutti ricordano. Adesso è una donna molto più saggia e più matura, e piano piano riuscirà a riconquistare l'affetto della città e a fare breccia nel cuore delle persone che avevano più motivi per odiarla. Troverà così delle amiche, una sorella e un nuovo amore che non si sarebbe mai aspettata. 

Recensione: 'Un regalo per te' di Nora Roberts




Arriva un momento dell'anno in cui tutto assume un'aria speciale, in cui pare che i miracoli avvengano davvero e la speranza si accende di nuovo, tanto da spingerci a desiderare l'impossibile, o quasi. È il Natale! Saranno le luminarie, il freddo, la neve... tutto appare diverso a grandi e piccini. Che si tratti di un giornalista che vuole riavere con sé la ragazza che ha lasciato, o di una coppia di gemelli che desiderano una nuova mamma - e hanno già in mente chi sarebbe perfetta per papà - oppure di un tipo solitario, che chiede solo di essere lasciato in pace, il Natale ha in serbo un regalo che può cambiare la vita in meglio. Basta lasciarsi andare e seguire l'amore. Il resto viene da sé.



Ecco in un unico libro, tre splendidi racconti natalizi:

BIANCO NATALE
CANZONE DI NATALE
UN DONO DAL CIELO


 
Si sa, il periodo natalizio ha sempre avuto un che di magico; sarà l'atmosfera creata dagli alberi addobati per le strade, le palline colorate e le luci scintillanti o semplicemente la voglia di stare insieme... beh sembra che in questo particolare periodo dell'anno, tutto possa accadere, anche l'impossibile. E proprio di questo ci parla Nora Roberts nei suoi tre racconti, di come a Natale basti esprimere fortemente col cuore un desiderio e questo alla fine magicamente si avveri.
E' impossibile non adorare una donna che trova sempre un lato positivo in ogni situazione, anche nella più disperata e che ci fa credere -Natale o meno- che l'amore vinca su tutto! Io personalmente sono innamorata di quest'autrice e del suo stile: romantica e positiva, ma allo stesso tempo realistica e concreta. Non c'è amore senza sofferenza e se si vuole qualcosa, per averlo bisogna lottare con i denti e con le unghie fino alla fine; il viaggio forse sarà lungo e impervio, ma nei suoi libri, la Roberts premia sempre chi ha il coraggio di mettersi in gioco, soprattutto chi lo fa col cuore...
Tre donne molto diverse tra loro, ma accomunate da un doloroso passato che le ha in qualche modo cambiate e tre uomini altrettanto segnati, che hanno chiuso il loro cuore all'amore, chi per proteggere i propri figli, chi per non voler soffrire di nuovo, ma il Natale porterà loro un regalo davvero speciale!
Buona lettura a tutti!!!

domenica 18 gennaio 2015

Recensione:'Sconosciuti' di Megan Hart





Il sesso a volte può essere una fuga, un mezzo per creare una realtà parallela, dove sentirsi vivi e smettere di pensare. È ciò che crede Stella che ogni tanto, nel fine settimana, prende un aereo e parte per una destinazione qualsiasi. Si ferma al bar dell'aeroporto e lì abborda uno sconosciuto per una notte di sesso anonimo e senza legami. Le sembra questo l'unico modo per alleggerire la tensione e le preoccupazioni della vita quotidiana. Finché un giorno, volando a Chicago per lavoro, incontra Matthew. Il sesso tra loro è esplosivo e si crea un'intimità intensa e nuova per entrambi. Ma le cose non sono semplici come possono sembrare. Stella e Matthew, infatti hanno un passato difficile con cui fare i conti e sentimenti con cui riconciliarsi.


-Rossetto scarlatto, pelle liscia e morbida, profumo...
Molte donne sanno come attirare l'attenzione di un maschio.
Agli uomini piacciono i capelli setosi e fluenti,
 gli abiti aderenti e provocanti,
i tacchi alti e i reggicalze, proprio come quello che indossa Stella ora. (...)
Potrebbe ringraziarlo per averle offerto il te, poi alzarsi e andarsene,
lasciandolo ai segreti che già ha invece di causargliene un altro.
La sua coscienza le impone di augurargli buonanotte 
e Stella l'ascolta, ma anche Glenn si alza e le chiede dove alloggia.
L'occasione di comportarsi bene è passata;
chi può dire cosa sia giusto e cosa sia sbagliato? (...)
Gli ha semplicemente offerto una tentazione; 
lui non deve coglierla per forza.
Però mentre prende la borsetta e Glenn l'aiuta a mettersi l'impermeabile, Stella sa che l'ha già afferrata al volo (...)
e lei non vuole trattenersi, 
perchè è proprio questo ciò che desidera veramente,
ciò di cui ha bisogno, questo improvviso legame spoglio,
privo di tutto, quasi disperato,
tra due persone che sanno l'una dell'altra solo il nome di battesimo,
ma si conoscono più intimamente attraverso il gusto dei loro baci.-


Il commento di Michela

Stella è sicuramente una donna affascinante, una quarantenne, non più una ragazzina, che usa il sesso per evadere da una routine fatta di continue discussioni con l'ex marito e dal rapporto problematico con il figlio adolescente. Un gioco di seduzione il suo che inizia con un viaggio. Lo scopo non è la destinazione, ma l'arrivare in un bar qualsiasi di un qualunque aeroporto e sedurre un uomo a suo piacimento, ma il gioco si complica quando durante un viaggio di lavoro a Chicago incontra Matthew... Stella non rivela mai a nessun uomo la sua vera identità e non parla troppo di se stessa, nessun secondo appuntamento, nessun numero di telefono... ma si sa, ogni tanto le regole esistono per essere infrante.
Onestamente all'inizio del libro mi sono detta 'ecco il solito romanzo erotico basato solo su scene di sesso', ma per fortuna mi sono dovuta piacevolmente ricredere. Stella, la protagonista, non è il personaggio frivolo a caccia di forti emozioni come credevo, perchè dietro la sua figura da femme fatale, vi è una donna con un doloroso passato e un presente alquanto difficile e il suo personaggio arrichisce la storia, creando una trama interessante e donando al lettore molto più di una serie di avventure erotiche fini a se stesse.
Ho già letto altri romanzi di Megan Hart e come sempre ho apprezzato il suo stile forte e diretto nello scrivere -come una scrittrice erotica deve essere in fondo, se no scriverebbe un altro genere- che sa essere tale senza cadere nella volgarità.
'Sconosciuti' è quindi, a mio parere, una piacevole lettura per tutti gli amanti del genere a 'tinte forti'...

venerdì 16 gennaio 2015

Recensione: "Il tempo che ci serve" di M.S.




Andi e Joy hanno 39 anni. Non si vedono dal giorno dell’ultimo esame scritto della maturità. Si incontrano per caso, in ospedale. Entrambi hanno appena ricevuto pessime notizie. Tra loro c’era stato qualcosa di intenso. Poi nulla. Per vent’anni. Una vita. Per lei fatta di scelte sbagliate. Per lui di decisioni non prese. Ora, l’istinto dice loro di non lasciarsi sfuggire ancora questa occasione. Fanno una scelta: cinque giorni da passare insieme. Per annullare il mondo, per dimenticare gli anni “persi”, per tornare indietro nel tempo. O almeno provarci. Con regole precise: niente dottori, niente rimpianti. Ma le brutte notizie, il presente, il futuro, e il tempo che è stato, non possono essere cancellati. Sono sempre dietro l’angolo, pronti a inseguire chi cerca di dimenticare. Riusciranno Andi e Joy a superare queste barriere? Riusciranno a oltrepassare gli ostacoli del tempo, le avversità che negli anni hanno temprato i loro caratteri, il loro fisico? Riusciranno Andi e Joy, a vivere, assaporare, far esplodere, quello che hanno interrotto vent’anni prima? 




"-Possiamo concederci una possibilità e chiederci: 
come sarebbe la nostra vita 
se in quel preciso momento avessi fatto un'altra scelta? (...)
Cinque giorni, non uno di più non uno di meno.
Cinque giorni durante i quali annulliamo il mondo,
il lavoro, le amicizie, i dottori, tutto.
Cinque giorni in cui ricominciamo da quel giorno 
alla macchinetta del caffè a scuola.
Cinque giorni per cercare di essere felici,
anche solo come amici.
Per fare quello che vogliamo o come avremmo voluto farlo, 
senza obblighi.
Sarà la felicità che ci dobbiamo portare dietro 
qualunque cosa accada dopo.-"


Mi sono imbattuta casulamente in questo romanzo, sfogliando il catalogo Kindle di Amazon, desiderosa di trovare una nuova lettura, diversa dal solito romance. Così, scorrendo tra i vari ebook, mi cade l'occhio su questo libro digitale. Vuoi la copertina, vuoi il titolo, il prezzo decisamente allettante -meno di un euro- e ovviamente le recensioni altamente positive... ecco che "Il tempo che ci serve", scritto da questo autore -Manuel Sgarella- che onestamente non conoscevo, è arrivato sul mio lettore.
Questa volta mi sono lasciata maggiormente coinvolgere dal protagonista maschile, Giorgio o Joy come viene chiamato da Andrea. Un personaggio che inizialmente può apparire freddo e distaccato da tutto e tutti, che vive nel suo mondo, nel suo laboratorio dove porta avanti la passione di suo padre e prima ancora del nonno: riparare antichi orologi.Un uomo che evolve e svela piano piano ai lettori quanto il suo cuore abbia ancora da offrire. Andrea, invece, è un personaggio che a volte ho faticato a comprendere, molto più complesso rispetto alla semplicità di Giorgio, forse per il motivo che Andi -Andrea- deve percorrere ancora molta strada prima di capire cosa realmente, a quasi quarant'anni, vuole dalla vita, cosa vuole davvero per se stessa.
La storia di Giorgio e Andrea non è certamente la classica storia d'amore, ma è un vero viaggio esistenziale che ci porta insieme ai protagonisti, a riflettere su temi importanti quali la vita, l'amore, la morte e il coraggio di scegliere quello che ci rende felici.
L'alternarsi dei due protagonisti come voce narrante della storia e i vari flashback tra il presente e il passato, hanno reso la lettura più dinamica e interessante, con un finale che francamente non davo assolutamente per scontato.
Non mi resta quindi che dirvi: rinunciate all'euro di un caffè al bar e concedetevi una buona lettura, ne vale davvero la pena.


 

martedì 13 gennaio 2015

Prossime uscite Newton Compton: Gennaio 2015



Anno nuovo, nuovi libri da leggere!
E come avrete intuito dall'immagine qui sopra, anche in edizione digitale...
Ecco alcune nuove uscite che ci propone la Newton Compton per questo inizio anno,
vediamole insieme...



In libreria dall'8 Gennaio 2015


Valentina Harrison lavora come assistente in un'agenzia pubblicitaria a Milano, con sedi in tutto il mondo. È molto intelligente ma per il suo aspetto poco appariscente passa spesso inosservata: non ha una particolare passione per i vestiti, i tacchi, le borse. Lo shopping in generale e, pur amando Milano, preferisce vivere in un paesino di provincia, nella cui tranquillità si abbandona al piacere della lettura. James Spencer, affascinante e snob, vive invece negli Stati Uniti. Quando un problema mette in crisi l'agenzia, e James viene convocato a Milano per risolverlo, i due si conoscono e si trovano a lavorare a stretto contatto. Il loro primo incontro è pessimo: lui è il tipico uomo colpito soprattutto dall'aspetto fisico di una donna, e quello di Valentina lo lascia semplicemente allibito. Lei se ne accorge e ne è al tempo stesso ferita e irritata. Lui è burbero, spesso le si rivolge con poco garbo. Lei è posata, gentile, calma, attenta ai piccoli gesti. Eppure sin da subito cade vittima del suo fascino. Ma l'obiettivo di James è quello di salvare l'agenzia dai guai in cui versa: una volta capito che Valentina è brava, decide di coinvolgerla nel suo lavoro. E la collaborazione forzata farà assumere al loro rapporto sfumature davvero inaspettate.



In libreria dall'8 Gennaio 2015
 

Mia Dennett è figlia di un importante giudice di Chicago, ma ha scelto di condurre una vita semplice, lontana dai quartieri alti e dalla mondanità in cui è cresciuta. Una sera come tante, entra in un bar per incontrare il suo ragazzo ma, all'ennesima buca di lui, Mia si lascia sedurre da un enigmatico sconosciuto dai modi gentili. Colin Thatcher - questo il vero nome del suo affascinante nuovo amico - sembra il tipo ideale con cui concedersi l'avventura di una notte. Peccato che si rivelerà il peggior errore della sua vita: Colin infatti è stato assoldato per rapirla. Ma quando Thatcher, invece di consegnare l'ostaggio, decide di tenere Mia con sé e di nasconderla in un remoto capanno del Minnesota, il piano prende una piega del tutto inaspettata. A Chicago, intanto, la madre di Mia e il detective Gabe Hoffman, incaricato delle indagini, sono disposti a tutto pur di ritrovare la ragazza, ma nessuno può prevedere le conseguenze che un evento tanto traumatico può avere su una famiglia apparentemente perfetta...



In libreria dal 15 Gennaio 2015


Giulio e Anna si sono conosciuti da bambini, al porto di Marsiglia. I loro sguardi appena incrociati si sono persi tra quelli di tanti emigranti come loro. Quando però Giulio ritrova Anna, a Parigi, fuori da un bordello fatiscente, non può fare a meno di ricordare quegli occhi grandi e quelle lunghe gambe. L'incontro diventa per lui lo spartiacque tra l'infanzia e le turbolenze dell'adolescenza. Il suo sogno di bambino si spegne però una mattina, perché la sua Anna ha lasciato improvvisamente quel quartiere: non un biglietto, non una parola, niente di niente. Quando ormai gli sembra poco più che un ricordo, Giulio la incontra ancora. Si fa chiamare Annette, una pantera da palcoscenico, cantante sinuosa in uno dei locali più esclusivi di Parigi nel quale Giulio viene assunto come musicista. Ogni ricordo, persino quello del suo profumo, ritornerà prepotente nei suoi pensieri...



In libreria dal 15 Gennaio 2015


"Fa' che io sia orgoglioso di te". Sono le ultime parole che il padre di Livie pronuncia di fronte alla figlia. Nei sette anni trascorsi dalla tragica morte dei genitori, Livie ha fatto del suo meglio per mantenere quella promessa e si è occupata della sorella con grande responsabilità. Ma con l'ingresso al college arrivano anche sfide inattese che metteranno alla prova la sua solidità e il suo cuore. Livie entra a Princeton con un piano preciso: prepararsi per la scuola di medicina e incontrare un bravo ragazzo. Ciò a cui non è invece preparata sono Jell-O, amabile compagna di stanza alla quale non riesce a dire di no, e Ashton, l'arrogante e attraente capitano della squadra di canottaggio maschile. Ashton è anche uno dei migliori amici di Connor, un ragazzo che corrisponde perfettamente a quello che Livie ha in mente per sé. Perché allora continua a pensare ad Ashton? Quando Livie si deve confrontare con voti mediocri, aspirazioni di carriera che sembrano andare in fumo, e l'incapacità di gestire i sentimenti per Ashton, che non vorrebbe provare, è costretta a rinunciare alla promessa fatta al padre. E all'unica Livie che lei conosce...



In libreria dal 22 Gennaio 2015

N°1 negli Stati Uniti
Diventerà presto un film
 
«Una storia agghiacciante, scritta benissimo. 
Uno stile da dieci e lode, per un tema davvero toccante 
e una trama che colpirà chiunque la legga. Assolutamente da non perdere!»
-Suspense Magazine-

Stanley Peke è un tranquillo pensionato che, dopo aver trascorso quarant'anni a Westchester, vicino New York, ha deciso di trasferirsi con la moglie a Santa Barbara, per passare quanto gli resta da vivere sotto il caldo sole della California. Peke è ancora un uomo forte per la sua età, ma comincia a dimenticarsi le cose. Per questo, quando la ditta di traslochi si presenta a casa sua con un giorno di anticipo, Stanley non si insospettisce più di tanto: pensa semplicemente di aver memorizzato la data sbagliata. Non sa che però quel giorno avrà inizio un tragico incubo: i sedicenti traslocatori in realtà sono dei criminali che hanno deciso di rubargli tutti i suoi averi, comprese le preziose opere d'arte che Peke ha collezionato in una vita di lavoro. Ma non è tutto: l'anziano Stanley, infatti, da piccolo ha vissuto sulla sua pelle gli orrori dell'Olocausto in Polonia. Nessuno, tuttavia, conosce le sue origini negli States, dov'era scappato durante la seconda guerra mondiale proprio per sfuggire alle torture dei nazisti. E se i criminali di oggi fossero in qualche modo collegati con i suoi aguzzini del passato? Questo pensiero martellante spinge Stanley a inseguirli sulle strade dell'America: deve riavere i suoi beni, ma soprattutto rimpossessarsi del suo passato...


E per la collana gli Insuperabili Newton Compton... 


 
 In libreria dal 22 Gennaio 2015

Tre romanzi in uno:
-La confessione
-La punizione
-Il perdono

Ava è stata chiamata ad arredare alcune stanze di una lussuosissima dimora londinese. Il proprietario, Jesse Ward, ha chiesto di lei personalmente. Ava si presenta all'appuntamento aspettandosi un vecchio aristocratico e invece si ritrova davanti un uomo giovane, pericolosamente bello e molto sicuro di sé. Fin da subito è chiaro che Jesse sa come ottenere quello che vuole, e adesso vuole lei. È sensuale e prepotente, dominante e irragionevole. Ma le ha mostrato anche il suo lato più debole e tormentato e, per non dover soffrire, Ava non ha altra scelta che lasciarlo. Jesse però è un uomo da cui è impossibile fuggire. E ora lei è determinata a far luce sul suo misterioso passato, anche se questo significa stargli molto vicino, e lasciarsi trascinare ancora una volta nel vortice della passione.

 

In libreria dal 29 Gennaio 2015

Un nuovo, sensuale ed emozionante capitolo di The Secret Series
Può un'amicizia trasformarsi in puro amore?

Tutto era iniziato con un patto: restare per sempre insieme e avere cura uno dell’altra. Ma come è nata la loro tenera e profonda amicizia? Cosa è stata capace di superare, e come si è trasformata in puro amore? È passato molto tempo da allora e adesso, dopo cinque anni di matrimonio, Ella non potrebbe essere più felice. Il lavoro va alla grande, e la storia con Micha è fantastica. Ma la notizia che sta per ricevere capovolgerà il suo mondo per sempre. Micha, intanto, trova sempre più difficile stare tanti mesi in tournée lontano da lei e inizia a pensare a una scelta che potrebbe cambiare la loro vita insieme. Proprio quando è pronto a parlargliene, scopre che anche lei ha qualcosa da dirgli. Quale segreto nasconde Ella?



In libreria dal 29 Gennaio 2015

Bergen, Norvegia. Merette Schulman, una psicologa originaria di Amburgo, si imbatte nel caso di Aksel, un paziente sociopatico che durante la prima seduta le confessa di avere ucciso la sorellastra. Dopo poco tempo dall'inizio della terapia, Julia, la figlia di Merette, si trasferisce da lei e inizia a uscire con un ragazzo. La madre teme che si tratti proprio di Aksel. Si sente vulnerabile, e quando un'amica di Julia, Marie, scompare e Merette scopre che nell'ambiente che Aksel frequenta si sono verificati diversi incidenti misteriosi in acqua, il panico la assale. Ma presto la donna viene a conoscenza anche di un altro terribile particolare: tutte avevano ventiquattro anni, proprio l'età di sua figlia...
 

mercoledì 7 gennaio 2015

Recensione: 'Il principe Lestat' di Anne Rice




Dolenti e magnifici, specchio oscuro delle nostre più ancestrali paure e del nostro eterno e inappagabile desiderio di immortalità, i vampiri sono tra noi. Vittime delle loro passioni, si muovono seduttivi e terribili nel mondo di oggi come in quello di ieri, scavalcando le ere e i confini geografici nello spazio di un giorno, pronti a scatenare le antiche e potenti forze della notte sul mondo ignaro, pronti a succhiare il sangue umano per vivere... Se può essere considerata vita la loro eterna dannazione. Ma ora qualcuno (qualcosa?) sta colpendo il mondo cristallizzato e terribile dei Non Morti. Da Parigi a Mumbai, da Hong Kong a Kyoto a San Francisco, una Voce misteriosa spinge i Bevitori di Sangue a combattersi tra loro, e sembra essere tornato il tempo dei Grandi Roghi. Anche il Principe Lestat la sente sussurrare e piangere nella propria mente... Che cosa vuole la Voce? Come potrà la tribù dei Non Morti sconfiggere questa forza immane che ha gettato tutti nel panico? Con la sua scrittura immaginifica, visionaria e sontuosa, Anne Rice torna al mondo affascinante dei vampiri, intrecciando le storie dei suoi personaggi più amati: il bellissimo Armand, Mekare e Maharet, Pandora e Flavius, e ancora David Talbot, generale superiore del Talamasca, mentre su tutti domina, pericoloso e ribelle, l'abbagliante principe Lestat, forse unica speranza di salvezza per i Non Morti...


"Dal mio cuscino di pietra ho sognato il mondo dei mortali.
Ho udito le sue voci, la sua musica nuova,
nenie che mi cullano nella tomba.
Ho visto le sue scoperte fantastiche,
ho conosciuto il suo coraggio nel sacrario eterno dei miei pensieri.
E, sebbene mi escluda con le sue forme abbaglianti,
attendo qualcuno che abbia la forza di aggirarvisi senza paura
e di percorrere la Strada del diavolo attraverso il suo cuore."
-citaz. tratta da Scelti dalle tenebre-

C'è una Voce che solo loro possono sentire.
Una Voce che non parla alle loro orecchie, nè alla loro mente, 
ma direttamente al loro sangue.
Una Voce di morte.

Cosa vuole questa Voce sconosciuta e cosa vuole? E' ciò che si domanda Lestat quel giorno a New Orleans, mentre la sua mente la ode per la prima volta. E' una voce maschile, insistente, e che da allora lo segue come un'ombra, insinuandosi dentro la sua testa come un tarlo.

"-Di tutti loro sei quello che amo di più-
affermò la Voce.
-Sono insieme a te, ti sto amando adesso.-
-Cosa sei? Un altro finto angelo?- chiesi. 
-Un altro spirito che si finge un dio, qualcosa del genere?-
-No-, rispose.
Ma nell'istante esatto in cui aveva cominciato a parlare 
avevo percepito un certo tepore dentro di me,
un improvviso tepore come quello descritto dai tossici quando vengono pervasi dalla sostanza che bramano.
(...) Avevo iniziato a udire la pioggia,
a udirla non come una triste acquerugiola 
ma come una magnifica sommessa sinfonia di suoni sulle superfici intorno a me. 
-Ti amo-, aveva aggiunto la Voce.
-Ora alzati.Lascia questo posto. Devi farlo. Alzati.
Comincia a camminare. Questa pioggia non è troppo fredda per te.
Sei troppo forte per questa pioggia e troppo forte per questa infelicità.-"


Trailer del film Intervista col Vampiro -primo libro della serie-


E dopo tanta attesa si torna finalmente a parlare del nostro Lestat che tanto ho amato/odiato nei precedenti libri della serie. Seguito de "La regina dei dannati",


 Scene dal film "La regina dei Dannati" tratto dal decimo libro della serie


ecco che in "Il principe Lestat", undicesimo libro della serie Le cronache dei vampiri, molti sono i personaggi che incontriamo, nuovi e vecchi -conoscenze quali Marius, Pandora, Mekare, Maharet...- e se devo essere sincera proprio per questo, in alcuni punti della storia mi sono trovata confusa per i troppi particolari da ricordare e che ho faticato a ripescare nella mente dai precedenti libri. Forse alcuni personaggi avrebbero meritato più spazio, mentre la presenza di altri appare superflua. Questo a mio avviso è l'unico difetto, se così possiamo definirlo, di questa ultima fatica della regina del gotico. 
Se volete avventurarvi in questa nuova avventura di Lestat e godervi appieno la lettura di questo romanzo, dovete per forza di cose rispolverare dalla vostra libreria almeno il precedente libro della serie e rileggerlo, perchè rischiate di perdervi strada facendo... Questo è sicuramente un libro interessante per chi ama il genere e lo stile 'ricco' e 'corposo' della Rice, una scrittrice senza mezze misure: o la si ama alla prima lettura o la si odia... a voi la scelta.