lunedì 2 marzo 2015

Recensione: 'Il mondo di cenere' di Jeaniene Frost





'Un'immagine scura e sfocata comparve all'improvviso
 sopra la reception del bed and breakfast, sdoppiandosi,
come se l'atrio fosse invecchiato all'improvviso di più di un secolo.
Soffocai un gemito.
No, non di nuovo.
I pregiati mobili d'epoca scomparvero,
sostituiti da altri sfasciati o dal nulla.
La temperatura precipitò e io ebbi un tremito,
prima di notare un movimento nel corridoio.
Una ragazza bionda attraversò la reception dall'aria decrepita.
Aveva il viso sporco di fango ed era avvolta in una coperta lisa,
ma non ebbi bisogno di guardarla due volte per riconoscerla.
-Jasmine- sussurrai.'


Ivy ha appena avuto un'altra delle sue allucinazioni, una delle tante che accompagnano la sua vita da quando era appena una bambina. A nulla sono serviti i medicinali e le continue visite specialistiche. Le visioni non sono mai cessate, ma per poter andare avanti con la sua vita, Ivy ha dovuto far credere alla famiglia di essere 'guarita'. Ha mentito a tutti, a tutti tranne che a sua sorella Jasmine, che a differenza dei suoi genitori, non l'ha mai creduta pazza. E ora che i suoi sono morti in un incidente automobilistico, anche la sua adorata sorella è scomparsa nel nulla. La polizia sembra brancolare nel buio e Ivy decide di cercarla da sola, setacciando la città di Bennington, da cui risultano essere stati inviati gli ultimi messaggi provenienti dal cellulare di Jasmine. Ma oltre alla spaventosa visione di sua sorella intrappolata in una sorta di altra dimensione, cominciano ad accadere delle cose piuttosto strane; così quando Ivy incontra Adrian e viene aggredita senza motivo dal detective Kroger -responsabile delle indagini sulla scomparsa di Jasmine-, le sue già poche certezze iniziano a vacillare.

'Mi bloccai. Il divano avrebbe dovuto essere vuoto,
invece c'era seduto un tizio con i capelli color del miele,
così massiccio da occupare quasi tutto lo spazio disponibile. (...)
-Ciao- disse l'estraneo. -Mi spiace dirtelo, ma stai per avere una nottataccia.- (...)
Si avvicinò e il cuore iniziò a martellarmi nel petto. (...)
Tre colpi secchi alla porta mi fecero sussultare. (...)
-Signorina Jenkins? Posso entrare? Sono il detective Kroger.- (...)
Con mio enorme stupore, l'intruso si voltò e aprì la porta.
-Si è introdotto in camera mia- dissi, 
con un gesto del tipo faccia qualcosa. (...)
-Tu devi essere Adrian- disse Kroger.
-In persona- rispose l'intruso con un sorriso.
Stavo per chiedere che cosa diavolo succedeva,
quando risuonarono alcuni spari. (...)
La stanza tornò al buio quando la lampadina si ruppe.
Poi venni (...) sbattuta con violenza contro il muro.
La luce illuminò il viso del mio aggressore e rabbrividii.
Le ombre guizzavano come lingue di serpente sulla pelle di Kroger,
trasformando i suoi lineamenti in una disgustosa maschera del male.
-Vuoi sapere che cosa è successo a tua sorella? (...)
Stai per scoprirlo.-'


Troppe sono le domande che cominciano a farsi strada nella sua testa: perchè l'agente Kroger ha cercato di ucciderla? E che legame c'è tra il detective ormai morto nella sua camera e lo sconosciuto che le ha salvato la vita? E quelle ombre... la trasfigurazione del male che ha visto sul volto dell'uomo è ancora il frutto della sua mente malata? L'unica certezza rimasta è che non ha nessuna intenzione di smettere di cercare Jasmine, anche se ora più che mai è consapevole che questo potrebbe mettere in serio pericolo anche la sua stessa vita. Inizia per Ivy un vero e proprio viaggio verso l'ignoto e ciò che scoprirà strada facendo non le piacerà affatto. Sarà pronta a sapere tutta la verità e ad affrontare le conseguenze che questa porterà nella sua vita?

Decidere di recensire questo libro per me è stato piuttosto facile, perchè chi tra i lettori amanti del fantasy, o meglio, dell'urban fantasy, non conosce Jeaniene Frost? Io ho letto quasi tutti i suoi libri -mi mancano gli ultimi due pubblicati per la saga di 'Night Huntress'- e mi sono piaciuti tantissimo!
E come immaginavo, non mi ha deluso neanche questa sua nuova serie -Broken Destiny-, in cui abbandoniamo l'affascinante mondo dei vampiri per discendere le tortuose strade verso l'inferno, in una lotta tra bene e male, tra ciò che vogliamo e ciò che ci è stato destinato. 
Non voglio scendere in troppi particolari, perchè vi rovinerei la sorpresa, ma sono sicura che questo è il primo romanzo di una serie che promette tantissimo! La Frost sa scrivere bene e sa creare altrettanto bene i suoi personaggi. Non potrete fare a meno di Ivy e del suo carattere battagliero e che dire di Adrian? No, di lui non dico nulla, scoprite da soli cosa si nasconde dietro il suo adorabile sorriso.
Aspettando con estrema curiosità di leggere il prossimo libro della serie, non mi resta che augurarvi come sempre una buona lettura!

3 commenti:

  1. Complimenti per la recensione! :)
    Sono davvero curiosa di leggere questo libro anche se avevo qualche riserva perché la serie Night Huntress mi era piaciuta parecchio e ho sempre qualche problema ad iniziare serie nuove di autori che mi piacciono... ho sempre paura di restare un po' delusa, ma tu mi hai rincuorata :)

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Siannalyn con la Frost vai sempre sul sicuro. Io ho letto quasi tutti i suoi libri e mi sono piaciuti tutti!

    RispondiElimina